Zona Industriale - PIP - 07017 PLOAGHE (SS), Sardegna

Normativa Testo unico Sicurezza

Come più volte sottolineato, anche in sedi internazionali, la lotta agli infortuni e alle malattie professionali è impegno prioritario per ogni Paese civile che, quindi, l’Italia è chiamato a perseguire nel modo più convinto e nel pieno rispetto delle strategie comunitarie in materia.

Tale impegno presuppone una legislazione rigorosa ed efficace, che miri innanzitutto alla prevenzione dei rischi dlawbooksa lavoro e indichi in modo chiaro e completo quali sono le misure di tutela da adottare in ogni luogo di lavoro, e un sistema pubblico che permetta di identificare le azioni di prevenzione e realizzarle in modo efficace e coerente con gli obiettivi sull’intero territorio nazionale.

La rivisitazione delle regole della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro pubblici e privati realizzata per mezzo del d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, come modificato e integrato dal d.lgs. 3 agosto 2009, n. 106, di seguito unitariamente indicato anche come “testo unico” di salute e sicurezza sul lavoro o come d.lgs. n. 81/2008. Per maggiori informazioni sul "Testo Unico"si veda il link in allegato.

In un simile contesto l'obbligo di vigilanza sull'attività dei lavoratori, finalizzata alla tutela dell'integrità psicofisica del lavoratore attraverso le misure dettate dal principio di cui all'art. 2087 del Codice Civile, costituisce uno dei cardini del sistema prevenzionistico, un obbligo imprescindibile ed ineludibile, che il datore di lavoro deve esercitare direttamente o, qualora l'azienda sia organizzata funzionalmente secondo una gerarchica di ruoli e di compiti, rappresentata da varie figure di dirigenti e preposti, anche indirettamente, verificando che i compiti attribuiti vengano effettivamente espletati, e prevedendo che le funzioni aziendali siano congrue ed adeguate alle dimensione del rischio da prevenire.

Senza entrare troppo nel dettaglio della Normativa vigente che affronta tante aree e tematiche vorremmo proporre qui di seguito quelle parti che corrispondono alle nostre Aree di intervento.

Il Titolo I -  I principi comuni e generali
Il Titolo I, Capo I: "Disposizioni generali"
Il Titolo I, Capo II: "Sistema istituzionale"
Il titolo I, Capo III: "Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro"
1. Misure di tutela e obblighi - Delega
2. Obblighi del datore di lavoro
3. Obblighi del preposto
4. Medico competente
5. Misure di tutela e obblighi - DVR
6. Modelli di organizzazione e gestione
7. RSPP -ASPP
8. Informazione, formazione, addestramento
9. Gestione delle Emergenze (Primo Soccorso, Incendi...)
10. Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

11. Sanzioni

Il Titolo II (Allegato IV): Luoghi di lavoro 
Il Titolo III (Allegati V -IX): Attrezzature di lavoro e dei dpi 
Il Titolo IV (Allegati X - XXIII): Cantieri temporanei o mobili

Il Titolo V (Allegati XXIV - XXXII): Segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro

Il Titolo VI (Allegati XXXIII - XXXV): Movimentazione manuale dei carichi
Il Titolo VII (Allegati XXXVI - XXXVII): Attrezzature munite di videoterminali
Il Titolo VIII (Allegati XXXVI - XXXVII): Agenti fisici
Il Titolo IX (Allegati XLII - XLIII): Sostanze pericolose
Il Titolo X (Allegati XLIV - XLVII): Agenti biologici

CONTATTACI O RICHIEDI QUI UN PREVENTIVO

Contattaci per avere maggiori informazioni, per iscriverti ad uno dei nostri corsi o per chiedere un preventivo sui nostri servizi. 

Saremo ben lieti di aiutarti.